Q.b.

(piccola cartella stampa)

Si può considerare Q.b. il sesto lavoro di Humpty Dumpty, oppure si può vederlo come il debutto sulla lunga distanza di un quasi-duo formatosi sull’asse virtuale Messina-Torino e composto da Alessandro e Renato Q., che firma quasi tutti i testi del disco (tranne uno, il più bello, una poesia di Philip Larkin). Si può considerare Q.b. come il disco della “svolta pop”. Si può sottolineare che Q.b. è il primo disco a nome Humpty Dumpty a esistere nella forma di un supporto fisico, anche se la logica continua a essere quella di una totale autoproduzione e il lavoro resta disponibile anche in free download. Si possono fare i nomi degli ospiti che compaiono nel disco, a cominciare da Rex, ex voce dei Sonica, e poi Chantalle, Giuse Rossetti, Silver Julio. Si può ricordare che Sai Violetta ha avuto qualcosa come 16 mila ascolti sul myspace, e trarne le conclusioni che si vogliono. Si può considerare Q.b. come una specie di concept album misogino. Non è chiaro se poi lo sia davvero.

Q.b. è stato pubblicato in versione digitale all’inizio di febbraio 2008 (nonerecords) e su CD, con un pezzo in più, alla fine di giugno 2008 (World Canary Cancerous Food, wccf 001).

14 Responses to “Q.b.”

  1. nick/nicola Says:

    Con molto pudore, dunque, rompo il ghiaccio. Con la banalità del miglior “in bocca al lupo” possibile. Con la consapevolezza che moltissimi altri – e ben più qualificanti – commenti seguiranno. Con la certezza che il successo e la diffusione di “Q.b.” saranno pari al suo straordinario assoluto valore artistico. Con la stima totale che sapete, cari Alessandro e Renato.

  2. …. mi associo alle parole di nicola ed auguro al magnifico Q.b. (presenza fissa del mio lettore… in ufficio, a casa ed in macchina) tutto il bene possibile!

    vi voglio bene,

    f.

  3. Insomma che dire…
    …ehm…
    intanto grazie per avermi fatto partecipare a Q.b.
    …poi…
    credo che appena chantallina (una donna 2.0 doc) si renderà conto di cosa significhi misogino
    avrà la tentazione di partire a razzo per Messina…
    …io tenterò di placarla iscrivendola ad un corso di yoga.

    BAci

  4. M’ imbarazzava scrivere il primo commento, troppa responsabilità, così ho atteso vegliando tutta la notte, poi è arrivato Nico, ha spianato la strada, e dice anche il vero.
    Il suo messaggio: Q.b. è il segno dei tempi, un gran bel lavoro, un effetto “pop” che non si concede interamente, chè ti ci devi accostare ancora, e ancora.
    Il mio augurio: Alessandro, Renato Q, scopritevi ancora e soprattutto abbozzate, per me, un pacco regalo ;)
    Sulla pelle, Caterina, lo senti un brivido? Mr Makake sfiora anche me.

  5. Siamo fighissimi!

  6. Grande che è uscito, domani lo scarico :)))

  7. già da tempo adoravo humpty dumpty, ma con i testi di renato q. c’è stato un ulteriore salto di qualità. il disco è semplicemente meraviglioso. in attesa che abbia la diffusione che merita, io me lo godo, ripetutamente e ossessivamente. grazie!!

  8. ma possono commentare anche le femmine?
    :-)

  9. Alcune domande:

    Come si colloca Q.B. nella visione morale ed estetica di Humpty Dumpty, con particolare riferimento alla linea percorsa da The washingline sino a Be No More Time? (tralascio Eine Traurige e il suo controverso tentativo di rottura)
    E infine: che fine aveva fatto Silver Julio?

    (se non è troppo disturbo gradirei ricevere l’appellativo di “gentile amico” nell’eventuale risposta)

  10. Gerani è fantastica. Ascoltandola fa vedere una luce in fondo a quel tunnel che è a volte la settimana lavorativa. Sono curioso di sentire tutte le altre (oltre a Sai Violetta e Per Noi, già presenti nel myspace).
    Tantissimi complimenti agli autori!

  11. tanta fortuna a voi.
    giu as blue

  12. E io che non ne sapevo niente. Trovandovi solo tra i referrer.
    Se non fossi così drogato come stasera, rimedierei subito.

  13. […] cosa. E poi sono (siamo) qui più o meno per questo. E allora riporto quanto da loro scritto su humptyblog: Q.b. – (piccola cartella stampa) Si può considerare Q.b. il sesto lavoro di Humpty Dumpty, […]

  14. sidvitus Says:

    non riesco farne a meno … disco fatto con il cuore, ma anche con la testa. Mi piacerebbe vedere Humpty in concerto…

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: