Eine traurige Welt: recensioni

indiepop
inmusica
musicboom
rockit
sentireascoltare
sulpalco

Blow Up, n. 104, gennaio 2007, p. 84:

Non usa mezzi termini Alessandro Calzavara, filosofo, docente e critico del tutto, per definire il suo pensiero sullo status quo: un mondo triste per gente di merda, come si affretta a ricordare nell’iniziale Colite spastica, eterno ritorno costruito sul poco di una synth drum machine nella linea che discende retta da Garbo, Battiato (“non hai niente da propormi / geopoliticamente?”), Camerini ai Bluvertigo, Versus, Soerba. Il messinese volge definitivamente (?) alla lingua italiana per canzoni di ricerca ametriche e dilettanti che ballano una sola estate sugli scaffali di polvere in autogrill: Faust’O e Fiumani sul comodino –La mia love story– più Virginiana e Massara/Bianconi nel verbo di Salve e Una sera che può far venire in mente un nudo provino Baustelle anche nell’emulazione vocale, sottendono a una qual sostanza personale che con mezzi meno poveri, e la volontà di adottarli, può tuttora ambire alla manna di una conoscibilità estesa con o senza (il cappio di) un’anacronistica sottoscrizione. Nel ripostiglio dove finisce il citazionismo 80 e inizia la cultura generale, Humpty Dumpty ricava un suo spazio non estemporaneo (6/7)
Enrico Veronese

Rumore, n. 183, aprile 2007, p. 118, rubrica “Demokrazia”:

[…] Nemmeno un briciolo di solidarietà al vostro collega che ogni mese si deve ciucciare almeno cinque cd con titoli in tedesco, una lingua di cui tollero l’uso solo per titoli come “Die Spermademütigung” e non certo per cripto musicisti sperimentatori già recensiti e pure bene da Blow Up, che mi inviano con poco Garbo biografie Fiumane (avrei voluto definirlo “wanna be Francesco Biancato” ma ho già usato questo neologismo il mese scorso) e titolano i loro lavori “Eine traurige Welt für scheiße Leute” sicuri che io capisca e gradisca? (e con questo ho già recensito il cd di Alessandro Calzavara aka Humpty Dumpty – che paga il rischio che, inviando un cd a una rubrica come questa, il recensore indisposto dalla sua lettera di presentazione lo ascolti e gli dica che fa recere soprattutto per quel che riguarda i testi. Torna all’inglese che magari qualcuno non capisce e ne guadagni in simpatia) […]
Er-P

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: