Archive for Noia e rivoluzione

namedropping

Posted in recensioni ecc. with tags , on 3 October 2010 by humptyblog

Grazie a Marco Pecorari, che su Rumore di ottobre ristabilisce la logica là dove sembrano regnare l’arbitrarietà, la follia e il mistero e ricorda che il coraggio intellettuale della verità e la pratica spicciola della politica musicale sono due cose inconciliabili in Italia. Nella sua rubrica “Scanner Italia” – una rubrica umanistica in un giornale consumistico? – Noia e rivoluzione viene definito come un disco che “potrebbe essere sulle penne di tutti i critici indiependenti”, con testi “a volte strepitosi nella loro tragicomicità”. E scommettiamo che ora parliamo di…? Continue reading

primi ascolti

Posted in recensioni ecc. with tags on 27 July 2010 by humptyblog

Tre lusinghiere recensioni di Noia e rivoluzione sono uscite sul web poco prima che l’estate inghiottisse tutti. Annarita Favilla, su music reviews, descrive il disco come una raccolta di “ritratti impietosi e beffardi della nostra situazione (come impietosa e beffarda essa stessa è), dai quali nessuno può sentirsi escluso né trovare rassicurazioni”. Stefano Solventi, su sentireascoltare, parla del “lavoro più incisivo” di Humpty Dumpty e dice che “l’aspetto interessante è quello sonoro, mai come oggi a fuoco, intenso e definito”. Per Enrico Veronese, su Italian Embassy (e poi su Blow Up di settembre), “la più parte di queste canzoni potrebbero risuonare da casse FM senza essere aliene, insegnando qualcosa e pure divertendo non poco”.

Noia e rivoluzione

Posted in Urbi et orbi with tags on 29 June 2010 by humptyblog

Noia e rivoluzione è nato, letteralmente, leggendo i giornali. È un disco pieno di riferimenti all’attualità, non sempre riconoscibili, spesso molto deformati. È il nostro personale omaggio alla canzone di protesta italiana degli anni settanta, un omaggio intriso di urgenza, di nichilismo e di ironia. A differenza di Q.b., che era un disco che partiva dal privato per discutere questioni quasi universali, Noia e rivoluzione parla prevalentemente di questioni pubbliche, o meglio parte dal pubblico per discutere questioni anche molto personali. C’è quella vecchia poesia di Bertolt Brecht in cui più o meno si dice che sono brutti tempi quelli in cui non si può parlare di un albero perché ci sono intorno troppe cose orribili su cui non bisogna tacere. Ecco, Noia e rivoluzione nasce dalla brutta impressione di vivere in un tempo del genere. E non parla di alberi.

Noia e rivoluzione si può scaricare da qui. Poi diteci qualcosa, va.

quasi Noia

Posted in Urbi et orbi with tags on 8 June 2010 by humptyblog

Noia e rivoluzione, il prossimo disco di Humpty Dumpty e Renato Q., uscirà alla fine di giugno.

Sarà un disco politico.

Conterrà tredici pezzi, nel seguente ordine:

1. Marianna, 2. Disastro, 3. Sedizioso, 4. Barbie, 5. L’ora delle ghiande, 6. Snob, 7. Suffragetta universale, 8. La terza età, 9. Il Duomo di Milano, 10. Ratzi, 11. Riconquistare la Svizzera, 12. Nicotine, 13. Faccia di velluto.

Sarà anticipato la prossima settimana dal singolo “La terza età”, in una versione non compresa nel disco – quella di Giuse Rossetti.

next Humpties

Posted in Urbi et orbi with tags , on 30 July 2009 by humptyblog

Il prossimo disco di Humpty Dumpty sarà un EP in inglese che uscirà entro la fine dell’anno. Si intitolerà A mile from any neighbor.

Sarà seguito da un disco in italiano intitolato Noia e rivoluzione.

I due dischi proseguono la collaborazione tra Humpty Dumpty (musiche) e Renato Q. (testi) e coinvolgono un piccolo numero di musicisti e amici, alcuni dei quali già visti all’opera in Q.b.

Update: è in lavorazione anche un terzo disco, intitolato Pianobar dalla fossa e scritto in collaborazione con Stefano Zuccalà.

Nel frattempo. I  altri pezzi del solo Humpty Dumpty e non inclusi nei lavori summenzionati, saranno saltuariamente pubblicati su youtube e linkati a questo sito, in attesa di trovare collocazione nell’agognato album di odds and sods previsto per la fine dei tempi.
Cogliendo l’occasione porgiamo distinti saluti.

Nelle prossime settimane alcuni pezzi sparsi del solo Humpty, non inclusi in questi lavori, saranno saltuariamente pubblicati su youtube, in attesa di trovare collocazione nell’agognato album di odds and sods previsto per la fine dei tempi. Ne troverete notizia anche su questo sito.